BONIFICHE LAZIALI


Ha avuto il successo sperato la prima sperimentazione partita in Italia, in particolare a Bergamo, con l’uso di un drone e di altri supporti di tecnologia innovativa, per verificare le coperture in Eternit e il loro stato di degrado.

Fino a oggi, infatti, queste operazioni erano fatte da tecnici con tutti i rischi connessi, anche legati all’altezza dei tetti. Con l’utilizzo di questi droni, particolarmente sofisticati, si potrà verificare lo stato di conservazione e decidere di programmare gli interventi secondo il grado di priorità.

La strada e’ quella giusta: innovazione a tutela dell’ambiente.

Il primo obiettivo è la realizzazione di una mappatura dettagliata, in grado di fornire indicazioni sulle zone interessate e sul rispettivo grado di deterioramento dell’Amianto. La conoscenza puntuale del territorio d’azione rappresenta uno step fondamentale per la buona riuscita delle fasi successive, ossia la creazione di una banca dati condivisa per permettere il dialogo tra i database già esistenti, ma indipendenti tra loro e la successiva programmazione degli interventi di bonifica secondo la normativa vigente.

Lo ribadisce l’Inail nella circolare n. 36/2018 pubblicata la scorsa settimana.

Possono presentare la domanda i malati di Mesotelioma da causa non professionale, riconducibile a “rischio ambientale” o a “esposizione familiare” a lavoratori occupati in lavorazioni dell’amianto e i loro eredi. L’importo della prestazione economica è fissata a € 5.600,00. Come in passato l’Inail ribadisce che considera soddisfatto il requisito dell’esposizione familiare a lavoratori impiegati nella lavorazione dell’amianto ove, dalla documentazione attestante la convivenza in Italia con il familiare in un periodo in cui quest’ultimo era impiegato, sempre in Italia, in una lavorazione che lo esponeva all’Amianto. L’insorgenza della patologia deve essere compatibile con i periodi della convivenza.

Sino ad oggi, in caso di decesso avvenuto successivamente al 1° gennaio 2015, la prestazione poteva essere corrisposta agli eredi, su richiesta degli stessi, solo nell’ipotesi in cui il lavoratore affetto da mesotelioma avesse presentato la necessaria istanza prima della morte.

Per gli anni 2018/2020, invece, gli eredi hanno un diritto autonomo: in caso di decesso del malato, la prestazione è riconosciuta a loro favore ripartita tra gli stessi a prescindere dal fatto che il relativo diritto sia stato esercitato in vita dal lavoratore deceduto.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al proprio ufficio Inail di competenza.

Lo scopo è quello di riaprire il termine del giugno del 2005 considerando che dopo tale data, sono emerse nuove aree interessate dalla presenza di Amianto e nuovi lavoratori hanno maturato i requisiti di esposizione a tale agente patogeno, senza potere tuttavia usufruire del beneficio previdenziale.

L’Amianto resta ancora molto diffuso, sotto diverse forme, su tutto il territorio nazionale e per tale ragione occorre che Governo e Parlamento si assumano un impegno ufficiale a trovare una definitiva soluzione normativa che ponga fine a trattamenti diseguali tra lavoratori esposti in ragione del diverso periodo di esposizione.

Secondo Legambiente del resto, gli edifici pubblici e privati contenenti amianto sarebbero più di 188.000, mentre i siti industriali dislocati su tutto il territorio nazionale e altre strutture contenenti la pericolosa fibra sarebbero 6.913 con una particolare incidenza anche per quel che riguarda edifici scolastici. Dunque un intervento normativo sulla materia appare sicuramente necessario.

NEWS
pubblicato il 8 Ottobre 2018

A Bergamo il primo monitoraggio con i droni per scovare i tetti in Amianto.

Ha avuto il successo sperato la prima sperimentazione partita in Italia, in particolare a Bergamo, con l’uso di un drone e di altri supporti di...

Continua >
NEWS
pubblicato il 8 Ottobre 2018

Via libera alla presentazione delle domande per l’indennità una tantum ai malati di Mesotelioma anche il triennio 2018/2020.

Lo ribadisce l’Inail nella circolare n. 36/2018 pubblicata la scorsa settimana. Possono presentare la domanda i malati di Mesotelioma da causa...

Continua >
NEWS
pubblicato il 8 Ottobre 2018

La Commissione Lavoro della Camera riapre i termini per la produzione della rivalutazione contributiva dell’Amianto.

Lo scopo è quello di riaprire il termine del giugno del 2005 considerando che dopo tale data, sono emerse nuove aree interessate dalla presenza di...

Continua >
bonifica amianto
NEWS
pubblicato il 26 Luglio 2018

2017: LE MORTI DI AMIANTO IN ITALIA

Lo scorso 19 giugno 2018 si è tenuta una conferenza stampa-seminario promossa dall’Ona sul tema “Come la ricerca può sconfiggere i tumori da...

Continua >
NEWS
pubblicato il 26 Luglio 2018

DISCARICHE ABUSIVE DI AMIANTO IN SALENTO

Da una recente intervista a Giuseppe Serravezza, medico oncologo salentino, emergono dati allarmanti dalla regione Puglia. Un altissimo numero di...

Continua >
NEWS
pubblicato il 11 Giugno 2018

CI SONO INCENTIVI PER LO SMALTIMENTO?

L’amianto è stato classificato tra le sostanze cancerogene da eliminare e comunque da trattare con criteri ben precisi, ma i costi di tali...

Continua >
NEWS
pubblicato il 11 Giugno 2018

LE FASI DELLO SMALTIMENTO DELL’AMIANTO

Innanzitutto, le modalità di rimozione dell’amianto sono stabilite in relazione allo stato di conservazione del materiale, poiché  se il...

Continua >
NEWS
pubblicato il 11 Giugno 2018

PERCHÉ È IMPORTANTE LA RIMOZIONE DELL’AMIANTO

La larga diffusione dell’amianto principalmente nell‘edilizia, è dovuta al fatto che questo materiale è molto  economico e funzionale....

Continua >